Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Galleggiando verso il Paradiso (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Galleggiando verso il Paradiso (Italian Edition) book. Happy reading Galleggiando verso il Paradiso (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Galleggiando verso il Paradiso (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Galleggiando verso il Paradiso (Italian Edition) Pocket Guide.

Tutti coloro che acquistano appartamenti, ville, terreni o comunque un immobile in questo ter- ritorio, diventano automaticamente membri del Consorzio e tramite i suoi organi statutari partecipano attivamente alla impostazione e alla realizzazione dei suoi programmi con il diritto di voto in Assemblea.

Monica Bergo - Pianist and Songwriter in Milano, Italy

Siamo le ginestre d'o- ro giallo che spiovono sui sentieri rocciosi come grandi lampade accese. Siamo la solitudine selvaggia, il silenzio immenso e profondo, lo splendore del cielo, il bianco fiore del cisto. Siamo una terra anti- ca di lunghi silenzi, di orizzonti ampi e puri, di piante fosche, di montagne bruciate dal sole e dalla vendetta.

Noi siamo sardi. That of someone who is on vacation appreciating it as one of the mo- st beautiful places in the world and that of the Sardinians, traditions, big heart, simplicity that makes a great soul. They meet again everywhere, even in Costa Smeralda, and their proud simplicity that befriends you, that have the time to ask for it, will teach you a lot and it will turn you into one of them. Our Costa Smeralda is a paradise, if you are fortunate and wish to make more friends, we will return enriched in the soul too.

Valerio Alfonzetti Ci sono due Sardegne, apparentemente. That is why for over ten years, after I moved to work in Rome, Milan and Europe, almost every weekend I come back here, to my ho- me. Arrived in Porto Cervo, I go into sea with the water motor and find the feeling of freedom that I miss all week. I am deeply in love with this wonderful land of a thousand possibilities. Thanks to the Qatarians, in a centre of excellence for the study of diabetes would be created in Olbia, but it has many other potentials, not only to exploit in the summer, as many believe, but even from October to May: every month enriches with its typical colours of the nature of these places, while the peace and energy that reign here, remain intact throu- ghout the year.

All the premises exist to best value this paradise, therefore, we can only desire that the next fifty years will be even better than past fifty. To our Clients the guarantee of an extensive portfolio of carefully selected homes in the most sought after locations, in harmony with the natural surroundings of Costa Smeralda. To the Owners and Investors a wide range of services in the various areas of the global Real Estate market. Property finding, Re consultancy, private placement marketing, international exposure, market analysis, feasibility studies, international Real Estate investment and property development.

This is the way I live my holidays in Porto Cervo, a place to savour the taste of wild nature and intoxicate myself with fragrances, flavours and colours. I have always come here, together with my pa- rents, and what fascinates me the most is its dual aspect that unites the most ex- quisitely natural side to an elegant worldliness. A magical combination to live to- Valentina Petrilli and Carlo Opice gether with friends, sipping a drink by the sea at sunset: unique moments, rejuvenating serenity, which I use to face the challenges of each day with determination and optimism, but also a source of inspiration that fuels the creativity that I put in my future projects.

Valentina Petrilli La Costa Smeralda come fonte di vita e di energia. Swiss mechanical automatic movement. Rubber strap.


  • The Real Worship Book: C Instruments.
  • Cry Pretty?
  • Eden.
  • Blog Archive.
  • .
  • Pure Emotion.

Limited and numbered edition of pieces. This year the Association celebrates its 30th anni- versary on October 27 and will receive great guests, members, supporters and friends in a very special setting in Milan: Hall of the Caryatids, Royal Palace. Onthisoccasion,theHonoraryPresident,engineerPieroFerrari,sonof the founder, will award a recognition to the personalities that have continuously supported the activities of the Centro Dino Ferrari in the last 30 years.

Nicola Trussardi is also among the founding members of the Association, established in , three years after the Centre, by Enzo Ferrari in me- mory of his son Dino. Since then Marialuisa Trussardi, who does not speak about herself, if not to point out the efforts of her husband, has always been close to these issues, and when she was asked in to take on the task of leading the Association she had no doubts or hesitations.

The officesarefullof correspondenceandthere'saconstantcomingandgoingof peopleanddoctors. MarialuisaTrussardiandthetirelessvicepresident Manuela Consensi Dini are proud of the work done so far and they are aware of how much is left to do. CentroDinoFerrariisanexcellenceinworldwideneurologicalfieldanditcooperateswiththemostqualifiedInternationalCentresforRe- searchinNeuroscience.

Overthousandspatientseachyearmergetotheinpatient,outpatientanddayhospitalclinicsforwhichitworksastaff of physicians and researchers. Thanks to all, the research made significant progress both in the field of neuromuscular diseases and neurodegenera- tivediseases. Concerningneurodegenerativediseases,theagingpopulationbringsanincreasingnumberof patientsafflictedby Parkinson, Alzheimer and other genetic pathologies.

Not least there is the fact that within the Centro doctors and researchers are very close to each other and among them there is very strong sharing. This is a unity of intention that translates into an extraordinary co-operation with the enti- re international scientific world. Nobody puts up obstacles to the spreading of research and its results, since these are very often the outcome of a ti- ght co-operation with other research centers of the world.

Through the various fundraising initiatives that ranged — and range — from Milan to Los Angeles, from galas to charity auctions, from gatherings of vintage Ferraris to concerts of great tenors. ONLUS Ma la veste in cui ci riceve, e il luogo, non hanno nulla a che vedere con la grif- Ife e il palazzo in piazza della Scala a Milano. Una mancanza di apprezzamento per le bands chiave che hanno formato questa musica e questo stile di vita. Non so se mi capisci? Penso che comunque si stia lavorando anche in questo senso. Basta supportare la scena hardcore! Per farti un esempio, ora collaboriamo molto con Eileen di Takeback Productions e il club Southpaw a Brooklyn.

SD: Diteci qualcosa dei vostri progetti futuri, che farete dopo il Superbowl ? Ma anche qualche party veramente cool per tenere le vibrazioni alte; se passate per NYC venite a trovarci! Ah, e seguite Black N Blue Takeover online su www. Ciao Italia!!! SD: Ciao John, finalmente ti rivediamo in Italia. Come sta andando questo nuovo tour? Siete rimasti soddisfatti da questa data? CM: Ciao a tutti! Il tour sta andando davvero molto bene, anche se saremo in Europa solo per pochi show devo dire che sono stati tutti molto intensi.

CM: Vedi, tutto succede per una ragione. CM: No no, ascolta bene. Siamo mossi dalla passione prima di tutto. Cazzo, ho quasi 37 anni ormai e sono ancora qui! Ma non so dirti davvero quando possa accadere. A parte i casini che tutti sappiamo, parlo proprio a livello di spirito.


  • Related titles.
  • The Blue: Teil III (German Edition);
  • Lycoperdon perlatum ~ Common puffball (FUNGI Book 55);
  • poetry - Google News;

Io non ho problemi con nessuno! SD: Si credo che tu lo abbia dimostrato anche questa sera sul palco. Come mai non ne hai qualche copia con te stasera? SD: E qualcuno ti ha aiutato nel corso della tua vita… CM: Certo, un sacco di gente mi ha dato una mano. SD: A questo proposito, quanta importanza dai alla tua vita spirituale oggi? CM: Certamente si, ma in quello originale, non in quello fasullo fatto solo per rubare soldi alla gente. SD: Cosa puoi consigliare a chi vuole avvicinarsi a questo movimento? CM: Sicuramente di leggere i libri di Prabhupada, li troverete tutte le risposte di cui avete bisogno!

Quando leggi i libri di Parbhupada ti si aprono gli occhi e capisci come stanno veramente le cose. E allora cosa farai? Li puoi trovare tutte le risposte! Sono sempre stato un grande fan della band! SD: Che ne pensi della scena di New York oggi? Questo non lo trovi in nessun altro genere musicale. Grazie a voi ragazzi. Hare Krishna! Per il resto direi che essendo stati praticamente ovunque era semplicemente giunto il momento di scioglierci. SD: Avete iniziato da poco il vostro ultimo tour in giro per il mondo, come sta andando?

R: Come accade in un qualsiasi tour mondiale, ogni posto dove vai lo trovi fantastico. Abbiamo suonato nel sud est asiatico, in Australia e tutti i posti erano meravigliosi. Abbiamo conosciuto un sacco di persone.

Continuerete con la musica hardcore? R: In ottobre ci sciogliamo definitivamente durante il National Edge Day. Oppure viviamo in un mondo ipocrita e falso? SD: E la musica potrebbe essere la nostra ultima arma di salvezza per aiutarci ad imparare ad usare la testa e cercare di fare qualcosa che conti per davvero? Quando hai deciso di diventare sxe pensavi che sarebbe stato in qualche modo un sacrificio? R: Se sei straight edge negli USA, almeno nella scena hardcore, sei rispettato. Viene considerato solo un ragazzino di 16 anni.. Ci piacerebbe che suonassero pure i Down To Nothing al nostro ultimo concerto se sono in giro.

SD: Straight edge a parte, in questi anni passati a suonare in giro per il mondo, che cosa ricorderete per sempre? Quali situazioni non dimenticherete mai? SD: Ultima domanda dunque…pensando ipoteticamente di essere padri oggi giorno, come crescereste i vostri figli? Cosa insegnereste loro di giusto? R: Per quel che mi riguarda, ma sono sicuro che sto parlando a nome di tutti nella band, se dovessi mai crescere dei figli sicuramente proverei a tirarli su con una mente aperta a tutto.

Se non vogliono diventare straight edge non li costringerei mai a farlo, accetterei qualsiasi cosa. Se sei aperto di mente con i bambini, non li costringi a fare qualcosa, sono convinto che cresceranno correttamente. Sono le persone che forzano i propri figli a fare sport, o li costringono a suonare la chitarra che rovinano i ragazzi. Secondo me bisogna soltanto lasciar che facciano le loro scelte accettandole anche se non le condividi. Ci potete spiegare titolo e copertina? Siete soddisfatti? Siamo rimasti soddisfatti del disco dal momento in cui abbiamo finito il mastering e visto il packaging.

Ora vogliamo solo suonare le canzoni dal vivo e vedere che tipo di soddisfazione siamo in grado di suscitare. SD: E la Relapse? Hanno rispettato il fatto che ci lavorassimo part-time e non ci hanno pressati per tour, shows e roba simile. Non lo consideriamo un Management di qualche tipo, ma semplicemente un aiuto per realizzare i nostri album, e hanno fatto un grande lavoro. Gli spettacoli erano liberatori per me. C: Ogni luogo ha i suoi aspetti interessanti, ma le mie zone preferite sono state la Germania meridionale e la campagna austriaca, ed in particolare le Alpi svizzere.

Penso che i concerti a Plymouth, Londra e Berlino siano stati i miei preferiti, ma ho amato tutti i posti dove siamo stati, anche i luoghi meno puliti. C: Certamente con i ragazzi dei Torche e dei Kylesa. Mi piacerebbe andare in tour con loro anche negli Stati Uniti. Grande musica, grandi persone. Che sono le bands con le quali i Coalesce vorrebbero anche andare in tour. Se dovessimo scegliere una band giovane e promettente, spingeremmo per i Moth Atlas da Chicago. SD: Potete cancellare una band dal panorama musicale, per sempre.

C: Nirvana. Stone Temple Pilots. Marilyn Manson. A pari punti. SD: Cosa dobbiamo aspettarci da voi in futuro? Mica altri dieci anni di attesa vero? C: Non abbiamo piani. Per il speriamo di andare in Giappone, ottenere almeno un paio di settimane di date negli Stati Uniti e, se siamo fortunati, tornare di nuovo in Europa. Non abbiamo ancora idea del prossimo passo, in termini di dischi.

Ora ci occupiamo di casa e lavoro, pensando solo alla prossima volta che andremo a suonare.

Pinocchio il Musical "Galleggiando"

Earthtone 9, One Minute Silence, Kill II This, Pulkas, Breed 77 sembrava avessero tutte le carte in regola per detronizzare i concorrenti a stelle e strisce, che dominavano le classifiche con campioni del calibro di Korn e Deftones. SD: Ciao Matt. Il significato ha a che fare con il seguire i propri desideri nella vita e non lasciar andare le cose per come vanno.

SD: Nel vostro sound, che generalmente viene definito metal-core, si possono intuire molte ascendenze, soprattutto estreme death, black, grind. Quali sono le band che vi hanno formato, che ascoltavate e continuate ad ascoltare? BMTH: Prendiamo ispirazione da tutta la musica, non solo dal metal. SD: Il vostro rapporto col successo: avete cambiato vita? SD: Provenite da Sheffield, nello Yorkshire. BMTH: Ad essere onesti non ci sono molte band, siamo tutti fans degli Arctic Monkeys, ma penso che il fatto che la scena sia povera di nomi ci ha spinto a darci una mossa.

BMTH: La title-track. Dopo averlo scritto, eravamo convinti che fosse il nostro miglior disco e ci chiedevamo quale impressione avrebbe fatto sui fans. SD: Quali le prossime mosse? BMTH: Abbiamo tre settimane ora per iniziare a scrivere il terzo album. Speriamo di registrarlo la prossima primavera e di farlo uscire subito dopo. VOJ: Quando suonammo al Whiskey A Go Go a Hollywood nel venne nel nostro camerino dopo il concerto dicendoci che voleva assolutissimamente lavorare con noi. Qualche volta ci diamo il cambio ma nella gran parte dei casi funziona come ti abbiamo appena spiegato…che ne pensi?

SD: Solitamente quanto materiale componete in tour e quanto invece dopo qualche evento straordinario o memorabile per voi, di cosa parlano invece le vostre canzoni? SD: Vi ricordate per caso qualche strano episodio accaduto a qualche vostro fan che meriti di essere raccontato ai lettori di Salad Days? Qualche buffo, pazzo aneddoto?

SD: Parliamo dei vostri piani imminenti, che intenzioni avete a brevissima scadenza? Che altro avreste combinato nella vita? VOJ: Realmente? Nessuna ispirazione. La costante assenza di emozioni viene sporadicamente interrotta dai brevi ma efficaci attacchi di panico potenziati dai miei compagni di viaggio. Mi sono vestito in maniera straprecisa con tanto di cravatta e camicia bianca per eludere i controlli doganali statunitensi che se ci avessero individuati come musicisti in procinto di cominciare il loro primo tour americano ci avrebbero rispedito a calci nel culo in Italia in quanto sporchi lavoratori clandestini.

Nella sfiga la Gibson USA mi fa trovare al mio arrivo due fantastiche chitarre e questo mi fa sentire un figo almeno per un paio di giorni. La serata continua a casa Brock dove alloggeremo nei giorni di pre tour e termina in distorsione e vomito diffuso. Welcome to America. Il giorno della data numero zero viene speso in buona parte da Walmart dove compriamo tutto il necessaire per il mese che passeremo nel van.

Raggiungiamo il locale in tempo per un breve quanto inutile soundcheck mentre i nostri compagni americani si fiondano subito sul bar cominciando a bere mentre noi cerchiamo inutilmente la concentrazione. Dopo vari gruppi spalla saliamo sul palco e suoniamo malissimo. La gente non sembra accorgersene e apprezza molto la nostra prima data supportandoci comprando tantissimo merchandise. Questo non ci basta per sentirci soddisfatti soprattutto dopo aver visto la performance letale dei padroni di casa che ringhiano e sputano fuori controllo come dei cani rabbiosi.

La serata prende una piega migliore solo quando le ore passano e il tasso alcolemico aumenta. Gli eccessi della serata precedente ci conciliano il sonno e le centinaia e centinaia di miglia che separano San Francisco, CA da Eugene, OR non sembrano pesarci tanto come pensavamo. Arriviamo a casa del fratello del batterista degli americani a notte fonda e subito siamo accolti da un torneo di Beer Pong dal quale esco campione anche se novizio. Torniamo a casa Brock per bere bere bere bere bere bere. Prendo sonno mentre in TV il chitarrista dei Mastodon afferma di aver subito un danno cerebrale permanente dopo essere stato picchiato dal bassista dei System of a Down.

Dopo aver mangiato la peggior pasta della mia vita andiamo a dormire e nella camera dove alloggiamo troviamo decine di proiettili e mi addormento pensando al buio. Smash, ossia la moglia di Ryan dei Trap Them, ci accoglie a Seattle e subito ci sembra di essere atterrati su un altro pianeta. Comincio ad ambientarmi e socializzo con Grace e Laura, due Suicide Girls californiane da poco trasferite per qualche motivo che non ricordo nello stato di Washington.

Ascolto Jimi Hendrix in un negozio di vestiti usati e provo una delle migliori sensazioni di tutto il tour. I dubbi, le tensioni e la stanchezza svaniscono e mi sento fortunato ad essere li in quel preciso momento. Salutiamo Smash, il suo cane Panic e tutta Seattle e partiamo nella notte dopo aver caricato il furgone.

Era stato costretto a passare 7 ore dietro le sbarre in attesa dei risultati dei test delle urine che poi sarebbero risultati negativi. La strada ci da la certezza che prima o poi arriveremo da qualche parte. Mangio un pessimo burrito e penso a San Francisco con una certa strana nostalgia.

Durante lo show tutto va storto ma sputiamo sangue e facciamo la miglior performance del tour. Rompo le meccaniche della Flying V e fumo in bagno con una sconosciuto che possiede una pipetta gigante. Faccio una foto ad una campana noto simbolo satanico e andiamo a comprare alcolici in un supermarket aperto 24h al giorno. La distorsione si fa sentire immancabile al mattino. Alle sette di sera le strade sono deserte. Andiamo in un Walmart Supercenter e troviamo solo birre dalla gradazione alcolica ribassata.

Il Midwest fa schifo come mi avevano detto. Non andateci mai. Giochiamo con i cani e mangiamo delle pizze surgelate che si chiamano Tombstone e sono felice di aver lasciato lo Utah. Bevo whiskey di nascosto in furgone e uno sbirro arriva a controllare la situazione. Sale la paranoia per le VISA ma tutto va per il meglio. Compriamo spillette dei Rotten Sound e toppe crusty. Puzza di piscio e birrette scadenti ovunque, marijuana gratuita per le bands e gentilezza da meeting internazionale dei testimoni di Jeovah ma con pentacoli e blasfemia ovunque.

Suonano un paio di buoni gruppi crust e un gruppo doom e dopo lo show sento che il fuso orario delle diverse times zones mi sta facendo impazzire. Il Nebraska finisce per essere meglio di quanto pensassimo. Vaffanculo a tutto. Mi addormento per terra mentre delle ragazzine in cucina cantano in coro pezzi di gruppi Death Metal e Hip Hop dei quali non mi interessa conoscere il titolo. Salgo delle scale ripide sopra il Metal Shaker e mangio riso e verdura mentre tutti si stanno facendo coinvolgere dalla paranoia per la febbre suina letale.

Un gatto obeso dorme sul frigorifero accanto ad un enorme cazzo finto posato in un cesto per la frutta. Nel locale I Khanate intonano una litania funebre mentre noi beviamo birrette in orario aperitivo. Il tempo fa scendere il morale generale ma una ninfomane siliconata quarantenne lo fa impennare immediatamente con le sue tette finte iperboliche.

Dopo lo show andiamo a casa del promoter, un attento doom metaller, e li conosciamo una ragazza che poi crediamo morta a causa del mix di sostanze che le abbiamo fatto assumere storditi dal mix di euforia e psichedelia della serata. Per fortuna ad un certo punto si sveglia. Alle 2AM compriamo alcol in una farmacia per curare il mal di vivere e sputiamo sangue. Tutto va al meglio e a distorsione mi fa perdere una parte dei dettagli della serata. Stiamo in furgone tutta la notte e ancora infinite ore e quando arriviamo al locale siamo accolti da uno sciame di api giganti e assassine che terrorizzano in modo piuttosto ridicolo i membri degli EG.

Dopo un certo sgomento iniziale incontriamo il promoter che si rivela essere un tossicaccio distrutto dalla METH con tanto di crostificazioni facciali permanenti e cane con il classico cono in testa anti mordimento. Dopo una sosta nei classici ristoranti franchising che tempestano tutto il paese passiamo il tempo a guardare barboni barboneggiare nella sporcizia e a prendere in giro rednecks con automobili improbabili. Senza nemmeno scaricare gli strumenti dopo qualche ora partiamo direttamente per Raleigh, North Carolina.

Sono onorato di vedere che il mese precedente I Murder Junkies che furono del mitico GG Allin avevano suonato proprio dove stavamo per suonare noi. Mangiamo il miglior veggie burger della storia in un locale dove verso le 13 ora locale si esibisce un clone sfigato di Johnny Cash che suona e canta solitario e senza pubblico non curante di una quasi rissa tra il cuoco e un pazzoide che entra urlando senza motivo.

Comincia a diluviare e da qualche altro locale qualcuno suona vecchi pezzi dei Creedence. Scarichiamo gli strumenti e sento il calore della vita che ricomincia a circolarmi dentro. A fine serata fumiamo e la giornata si spegne. New Orleans non ha nulla a che fare con il resto degli Stati Uniti e per qualche ragione questo mi da delle vibrazioni positive. Arrivati al locale il gestore ci accoglie con una bottiglia di un liquore fatto in casa dal gusto di frutti di bosco mescolato a Jagermeister ma con effetto distruttore per le nostre menti.

Tutti sono gentilissimi e conosco un sacco di persone assurde e delle ragazze molto carine con delle croci rovesciate tatuate sulle guance. La serata finisce nuovamente nel quartiere francese dove io e Giacomo ci perdiamo trovando solo dopo non poche ricerche la strada di casa a notte fonda. Ritroviamo la tipa con i tatuaggi di King Diamond che mi ricorda episodi imbarazzanti dei quali mi ero reso protagonista due sere prima e che avevo rimosso totalmente. Ridendo in faccia al 6 pack dei Black Flag compriamo un paio di 32 packs di birrette economiche in un supermercato dove siamo le uniche persone bianche in circolazione.

Spacco il culo a tutti a ping pong e poi si comincia a suonare. Prima che cominci il primo pezzo uno dei tre energumeni si fionda in capriola volante su Pallido che frana sulla batteria distruggendola ancora prima di cominciare a cantare. Prima della fine dello show il barista ci interrompe per portarci degli shots di whiskey cattivissimo che portano il divertimento a livello Dopo una costosa sosta ad un liquor store esordisco in casa rompendo in bicchiere enorme ma il padrone mi dice che posso distruggere tutto quello che voglio a patto che gli insegni come bestemmiare in italiano.

Al mattino i ricordi cominciano ad affiorare solo parzialmente grazie alle migliaia di foto scattate, molte delle quali piuttosto imbarazzanti. Fuori dalla nostra stanza un uomo si mette a dormire tra le due corsie della statale ma purtroppo perdo la scena per pigrizia e apatia. I gruppi locali suonano un mexi punk rock mascherato e i loro testi parlano di swine flu. Una donna sui 40 con il look da ex prostituta con una mastoplastica anni 80 colossale entra a fine concerto e compra tutto il merch degli Early Graves lasciandoci non poco delusi al momento di partire di nuovo per Austin.

Appena arrivati al locale un poliziotto vestito come quelli di quel telefilm con i poliziotti in bici che spaccano il culo ai criminali nei pressi delle spiagge californiane ci chiede immotivatamente se vogliamo finire in carcere e noi gli diciamo di no. Suoniamo molto cattivi e la gente apprezza. Mentre suono scorgo tra il pubblico svariate ragazze che sembrano piuttosto fighe dimenarsi impazzite, rapite dalla psichedelica ferocia dei nostri pezzi.

Ovviamente si rivelano dei cessi ambulanti quando scendo dal palco ma ci offrono del fumo e ci parlano della polizia locale che avrebbe picchiato a sangue dei loro amici freakkettoni per il solo possesso di qualche grammo di erba. Lasciamo OKC nella notte. Entriamo nel deserto. Dopo svariate foto rituali e autografi ai gestori ripartiamo e arriviamo al locale in orario. Con circa 4 ore di ritardo arrivano i Survein con il loro furgone che precedentemente era stato di un panificio italiano di qualche posto sperso del South Carolina e facciamo amicizia impazienti di vedere il loro set.

Il concerto va molto bene anche se finisce tardissimo e mentre smontiamo e carichiamo tutto nel furgone una ragazza comincia a farci vedere le tette dalla terrazza del quarto piano sopra il locale. Dormiamo felici. Facciamo centinaia di foto e decido di tornare nel deserto almeno una volta prima di morire. Al concerto troviamo il cantante dei The Network che compra alcol per noi dato che al liquor store non accettano la mia patente italiana pensando sia contraffatta e credendomi minorenne.

Fumo e mi addormento subito. Faccio degli incubi orribili e mi sveglio madido di sudore e bisognoso di una doccia prima di partire per Vegas. Ancora deserto, canyons e caldo. Le nostre previsioni sono confermate e cadiamo nel profondo sconforto appena cediamo il palco agli headliners delle serata, ossia un gruppo di 14enni che fonde blast beats e parti melodiche con un gusto davvero disprezzabile con tanto di familiari che riprendono con la telecamera.

Per strada la gente beve mojito da dei bicchieri che sembrano delle bonghette e nei casino delle ballerine ci invitano a sperperare tutti i nostri averi ipnotizzandoci con le loro tettine. Arriviamo a Hollywood Blvd. Nonostante chiunque abbiamo incontrato negli States ci abbia detto male di LA, a noi Hollywood sembra fighissima. Facciamo un giro fuori dal locale e vediamo ovunque kids dalle magliette blasfeme diretti per il Murderfest. Un tipo suona death metal per la strada con un amplificatore portatile. Nei negozi vendono magliette Killahfornia con Uzi e gadgets dei Lakers.

Dopo aver celebrato e salutato i nostri nuovi idoli Survein torniamo in albergo verso le 6, quasi in tempo per la colazione. Le telefonate della Vodafone, il lavoro, le relazioni interpersonali, tutto stava timidamente per riprendere il proprio posto senza inizialmente alzare troppo la voce, forse per paura di trovarmi troppo in guardia dopo un mese di assenza.

Il Belpaese che avevo tanto elogiato e difeso nelle fradice nottate californiane ora mi sembrava triste, grigio. Era Milano quella che osservavo dal finestrino del bus navetta. Pensavo che a casa le cose sarebbero state diverse. Pensavo che Trieste mi avrebbe cullato tra i suoi tornanti e le onde del suo mare. E invece Esattamente come un quadro od una scultura.

Related Searches

Arte per tutti, incredibile vero? Poi succede che come un certo Ian che ha dato anche il nome a queste pagine, molti artisti, coi soldini guadagnati aprono delle vere e proprio compagnie indie. Sulla Queen Mary potete dormirci, mangiare e anche sposarvi sotto un simpatico gazebo a poppa. Premiazioni per una quindicina di categorie divise sui tre giorni.

Il trionfo del traditional. Missing in action la mostra di Gosho Doll. Auto fiammate, brillantinate, hot rod, muscle, ribassate, completamente modificate, rigorosamente statunitensi. A margine i membri dei car club radunati sotto gazebo improvvisati con i consueti barbeque Gruppi, circle pit ubriachi e un toro meccanico a fianco palco vi intrattengono da pomeriggio fino a notte.

Stampe, libri e riviste a quintali. Il cibo prevede una mezza lavanda gastrica come dessert, birra disponibile e alcolici anche. LE DONNE A parte le modelle vere e proprie, che potete incontrare e pure fotografare senza troppi problemi, ci sono donne tatuatissime ovunque. Acconciature 60s, tacchi a spillo, calze a rete e qualche panterona m. Il prototipo chicano vince su tutti, bermuda largo e canotta bianca. I bambini impomatati non hanno prezzo almeno al di fuori della Tailandia Mi faceva alquanto male la maggior parte del tempo, ad un certo punto e dopo un lungo tour mi ha fatto letteralmente andar fuori di testa.

Fu un periodo strano per me. Mio figlio ha dieci anni, stava indossando lo zaino dei Flogging Molly a scuola, mi disse che non mi aveva mai chiesto di lasciare la band. Avete lo stesso buon rapporto che avevate prima della separazione? MH: Senza dubbio. Lo fai ancora professionalmente? MH: Continuo ad andare ancora molto in skateboard.

Attualmente ho appena sfasciato il mio ginocchio proprio ieri girando una splendida pool, anche se non partecipo ad un contest ormai da dieci anni. Vado ancora alle demo e ai contest di skateboard. Era qualcosa di totalmente diverso. Quasi tutti i movimenti e le sottoculture hanno una musica attorno cui basano tutto, e il punk rock era quella musica di inizio dello skateboarding.

Entrambe queste cose prendono tanto tempo ed energia a me e alla mia intera vita.

Costa Smeralda Magazine - Estate 2014

Faccio skateboarding da quando avevo sette anni. Riguardo al suonare la fisarmonica.. Passione per uno stile di vita o solo mero business? MH: Si e no. Come skater, vieni pagato per ogni tavola con cui te ne esci fuori. Ho una Vespa che mi sta aspettando e che sto per comprare dopo questo tour. Ne ho avute quindici o sedici nella mia vita fin da quando ero un teenager, sono la mia passione. E se per caso vi trovaste a passare per San Diego non esitate a farvi una birra in questo pub: www. Ti lascia andare avanti. Ho visto troppe volte aspettare che le cose piovano dal cielo, e purtroppo altrettante volte, leggere nel corso degli anni, la tristezza del non accaduto negli occhi di chi sempre ha vegliato durante le lunghe notti, notti nelle quali ancora non ero il protagonista assoluto.

Le onde della Cantabria, i suoi mille sguardi nascosti ed i sorrisi di benvenuto in case che fino al giorno prima credevo fortezze inespugnabili, hanno fatto modo di non far scomparire i contrasti dalla mia mente. Quella di una vita felice. SD: Come sta andando questo tour? SD: Quali sono gli stati europei in cui hai ricevuto il miglior riscontro? TM: Le date inglesi sono andate molto bene. TM: Il tour statunitense era sicuramente un tour metal, alberghi pagati per tutti, voli aerei TM: Ero stata in Italia altre volte ma non per lavoro, e quella mostra penso sia andata davvero bene.

La galleria era affollata, i dipinti sono stati venduti Mi piace molto la vostra architettura, tutta la pittura TM: Qualcuno SD: Preferisci lavorare nelle gallerie o occuparti di posters e toys? Le altre cose sono divertenti ma la pittura rimane al primo posto. Se sto preparando una grossa mostra, mi piace prendermi una pausa e lavorare a un poster, mi aiuta a liberare la mente, e non riesco comunque ad occuparmi di una sola cosa, devo averne sempre diverse sotto mano.

Nessuno vuole essere il cavallo zoppo, alla fine molte persone continueranno ad ammirare anche Coop e ad acquistarne le opere. Prima o poi vedrete i dipinti sul mio sito o quello di Iguapop. TM: Ahaha, non mi piace davvero dipingere gli uomini! Nel corso della storia molti artisti si sono concentrati sui nudi femminili, inoltre le cose cui penso e che trasferisco nella mia arte sono mie, sono personali, e quindi mi pare ragionevole avere molte figure femminili. Al momento sono single e ne sono felicissima, non voglio davvero un nuovo ragazzo!

italian.xlsx

SD: Tornando ai posters, ti capita di scegliere i concerti per cui realizzarne uno? Come funziona il lavoro? Conosco anche gli High on Fire, il loro manager ha voluto un poster per ogni data del tour, e ha fatto lo stesso per i Melvins, chiamando una trentina di artisti per tutti i concerti.

A volte devo rinunciare per i In Italia non penso ce ne sia uno, in Europa penso andasse meglio 10 anni fa, e negli Stati Uniti? TM: Completare la mia mostra personale, finire i dipinti con poco tempo a disposizione e dover dipingere tutta la notte per farlo. SD: Viaggiando in Europa hai incontrato colleghi che hai apprezzato? TM: Certo! SD: Sei mai stata in tour con il tuo gruppo, esiste ancora?

TM: Solo tour di una settimana, niente di grosso. Lei aveva un altro progetto, un gruppo punk rock di sole ragazze, e penso di riprendere a suonare il basso con loro. SD: Hai fatto toys limitati, stampe limitate, qualsiasi cosa limitata, sei a tua volta una collezionista? Quando sono stata in Giappone ho trovato moltissimi giocattoli old school, e soprattutto delle incisioni di Okusai e altri artisti, opere che risalgono al Ne ho acquistate alcune e ne sono molto orgogliosa.

Mi sembrava un buon paragone con lo spirito umano, di cosa attraversi nella vita, dei suoi cicli. Conservo molte delle cose che disegno molto velocemente, anche frasi che potrebbero diventare il titolo di un dipinto. Avrei potuto fare tutto manualmente ma avrei impiegato troppo tempo Non sempre deve esserci un significato dietro le cose, mi serviva solo una donna sexy! SD: Vorrei chiederti anche un parere su altri tre artisti SD: Sylvia Ji SD: Usugrow Mi sembra un bel modo per fare conoscere alla gente determinati artisti.

Iniziamo con il miglior locale per concerti SD: Miglior ristorante? Di Los Angeles non ricordo niente in particolare SD: Miglior galleria? SD: Miglior secret spot? Per raggiungere Catania basta poco, un volo aereo in periodi non sospetti si possono trovare offerte vantaggiose di qualche ora, oppure una nottata in treno e anche qui le offerte non mancano, cuccette a 30 euro oppure gli Intercitynight, clikkate www.

Piuttosto che ascoltare 30 secondi Morrissey e gli Smiths preferisco farmi legare ad una sedia e ascoltare in sequenza brani di Suzanne Vega e Natalie Merchant mentre assisto alla performance di artisti che si piantano chiodi nei genitali Difficile riversare oltre pagine in e sotto la mannaia sono finiti tutti i riferimenti musicali. Mai sentiti, ma esistono? Esistono, esistono! Una sorpresa, non lo nego.

Ascoltare il loro omonimo debutto Velvel Records per la conferma.